Colosso di videogames prevede la peggio causa Covid-19

Matsuda Square Enix Holdings teme Covid-19

A svelare la sua ipotesi catastrofica è Yosuke Matsuda, nonché CEO della grossa società di videogames Square Enix Holdings con sede a Tokyo, in Giappone. L’amministratore delegato ha spiegato perché il Covid19 potrebbe far collassare il gaming.

Per far sì che i titoli di gioco vengano prodotti e sviluppati, non sempre è possibile ricorrere allo smart working. Anzi, il più delle volte è essenziale la presenza fisica, situazione impossibile nei mesi precedenti a causa del lockdown per contrastare il Coronavirus.

Il lockdown ha distrutto il mercato dei videogames

Durante il periodo di lockdown, se è pur vero che molte aziende hanno potuto beneficiare del maggior tempo della gente speso a casa a giocare alle console e guardare film (basti pensare alla proposta di Amazon di includere tutti i programmi in streaming), i videogiochi subiscono una crisi più grossa.

Infatti stando alle parole di Matsuda ecco che cosa ha aggravato sulla situazione e perché il settore gaming dovrà temere le conseguenze:

C’è stato anche un grosso impatto sulla produzione i cui effetti si vedranno in futuro. Ci sono sicuramente stati effetti positivi per ciò che stiamo già vendendo, ma al prezzo del congelamento del tempo per la produzione. Non abbiamo potuto sviluppare nulla. Qui si avrà l’impatto maggiore.