Nintendo attacca il sito di pirateria, per lei 2 milioni di dollari

Nintendo 2 milioni di dollari causa UberChips

Nintendo ha quasi terminato una causa legale presso il tribunale dell’Ohio, luogo dove la società giapponese ha vinto un risarcimento pari a 2 milioni di dollari. La diatriba è stata con UberChips, il quale consentiva agli utenti di scaricare giochi pirata e ordinare i chip per modificare la console.

Una azione che non poteva non ritorcersi nei confronti di UberChips, nonostante la stessa si “limitava” a far procedere con il download dei videogames illegali e peggio, metter a disposizione i componenti hardware creati dal gruppo hacker Team Xecuter.

UberChips chiude e Nintendo vince la causa

Recentemente la società giapponese potrà festeggiare due vittorie, la prima è legata al record di vendite di console, mentre la seconda (forse più importante della precedente), ha vinto la causa contro UberChips, costringendolo non solo a chiudere il sito ma ottenere anche 2 milioni di dollari.

I chip progettati dal Team Xecuter erano dettagliatamente SX Core e SX Lite, che consentiva di modificare la piattaforma di gioco di Nintendo, per poter installare tutti i titoli che si trovavano in rete.

Chiaramente ad UberChips sono state sequestrate anche le scorte di magazzino del componente hardware contraffatto. Una bella vittoria per Nintendo, che non contenta si accanirà contro quei siti tutt’oggi aperti, che vendono per conto di Team Xecuter.