Meglio Apple Music o Spotify? Chi Vince tra le Due

Meglio Apple Music o Spotify

Ti chiedi se è meglio Apple Music o Spotify per ascoltare musica in streaming? Tanto per cominciare, entrambe le applicazioni rappresentano degli ottimi software per il tuo tempo libero. Ma quali sono le differenze tra le due? Qual è quella più amata dagli utenti?

Sia Spotify che Apple Music presentano delle caratteristiche differenti: per il prezzo dell’abbonamento, per la possibilità di accedere a determinate funzionalità, per la navigazione lato utente ma sopratutto per la qualità dello streaming.

3 Differenze per scegliere Apple Music o Spotify

Al di là della differenza tra utenti Spotify vs Apple Music, oggi vorremmo presentarti 3 differenze che potrebbero farti ricredere l’una dell’altra. Restando in tema iscrizione, l’app streaming di Cupertino contra 28 milioni di utenti paganti, quella svedese 26 milioni.

1. Costo dell’abbonamento

Apple Music e Spotify offrono entrambi gli stessi piani di abbonamento: un free trial per 3 mesi di premium e poi 4,99€ per gli studenti o 14,99€ per il piano adulti. L’applicazione svedese al contrario di quella americana, ha persino un piano gratuito.

Chi vince in questo caso? Spotify grazie alla possibilità di poter usare il software pur non pagando alcun abbonamento.

Da tenere d’occhio la causa di Spotify contro Apple One, un nuovo “abbonamento tutto in uno” di Cupertino, che consentirà ai suoi utenti di risparmiare pur possedendo più servizi.

2. Chi ha la miglior qualità streaming?

La qualità di streaming sia di Spotify che Apple Music è pressoché simile. Come utente basic probabilmente neppure noterai nessuna differenza. L’app di Cupertino trasmette lo streaming del file AAC a ben 256 kbps, contro la riproduzione della concorrente mediante Chromecast o desktop web a 128 kbps per il piano gratuito o 256 kbps per quello premium.

Sui device mobili Spotify si differenzia per il formato Ogg Vorbis, con la possibilità di poter stabilire i bit rate sulla quale trasmettere (fino a massimo 320 kbps), utile per ridurre l’utilizzo dei dati mobile.

Su entrambe le app l’equalizzatore è regolabile.

3. Algoritmo preferenziale

Meglio l’algoritmo di Apple Music o Spotify? Entrambe le applicazioni utilizzano un flusso informatico per poter rilasciare nuovi brani in base a ciò che hai ascoltato in precedenza. Per esperienza, secondo molti utenti il più preciso è quello del software svedese.

Probabilmente Cupertino ha preferito concentrarsi sulla stazione Beats1 Radio in tempo reale dove vengono ospitati artisti e Dj dal vivo.

Chi vince tra Apple Music e Spotify? Le nostre conclusioni

In conclusione è meglio Apple Music o Spotify? Secondo il nostro punto di vista tecnico l’applicazione di streaming musicale fondata in Svezia sembrerebbe avere più punti a favore.

Il vantaggio più grande a parer di molti utenti, è la possibilità di poter usare Spotify anche gratis (potendolo fare con la pubblicità random inserita a caso sull’ascolto dei brani). E tu tra le due quale preferisci? Diccelo con un commento!