Spotify accusa Apple One per danni da concorrenza sleale

Spotify attacca Apple One

Dopo il lancio di Apple One, l’applicazione di streaming musicale Spotify non ha perso tempo ad accanirsi contro la società di Cupertino, che a suo dire (come tante altre volte), anche stavolta avrebbe approfittato della sua posizione predominante per competere slealmente.

Non basterebbe quindi l’investimento dei video di Spotify per poter posizionarsi e distinguersi sul mercato come i primi del settore, in quanto sempre secondo l’azienda svedese, il nuovo abbonamento di tutti i servizi in un solo costo di Apple One sfavorirebbe Spotify stessa.

Perché Apple One infastidirebbe Spotify

Apple One presenterà tre piani di abbonamento (Individuale, Famiglia e Premier). Ciascuno di essi avrà al suo interno Apple Music, Apple TV+, Apple Arcade e iCloud. Certamente una proposta conveniente, ma con l’app di streaming musicale potrebbe creare una concorrenza poco piacevole.

Ecco la dichiarazione di attacco di Spotify:

Ancora una volta Apple sta usando la sua posizione dominante e pratiche sleali per svantaggiare i concorrenti e privare i consumatori favorendo i suoi servizi. Chiediamo alle autorità garanti della concorrenza di agire urgentemente per limitare il comportamento anticoncorrenziale di Apple che, se lasciato senza controllo, creerà danni irreparabili alla comunità degli sviluppatori e minaccerà le nostre libertà collettive di ascoltare, apprendere, creare e connettersi“.

Mentre Cupertino giustifica l’azione sostenendo di agevolare l’utente facendolo accedere ad un solo pacchetto e risparmiare rispetto al singolo costo di abbonamento. Voi cosa ne pensate?