Apple risponde alle accuse di Epic: “loro non vogliono pagare”

Apple contrattacca Epic Games

Le accuse legali tra Apple ed Epic Games non cessano di esistere. L’azienda di Cupertino mesi fa, si è accorta improvvisamente di un nuovo sistema di pagamento inserito su Fortnite, in cui i giocatori potevano avviare delle transazioni bypassando sia l’App Store che il Google Play Store.

Una situazione che non è piaciuta molto alla società di Cupertino che ha provveduto a rimuovere l’applicazione di Fornite dal suo marketplace, App Store. La software house di Tim Sweeney ha ritenuto ingiusto allo stesso tempo tale comportamento, così i due colossi sono per via legale.

Apple contrattacca Epic Games pesantemente

Secondo le ipotesi di Apple, Epic Games semplicemente non vuole sborsare la somma di denaro per compensare adeguatamente gli introiti generati grazie al market di Cupertino.

L’accusa di Epic si basa solo su un disaccordo riguardante soldi. Sebbene Epic si dipinga come un nuovo Robin Hood corporativo, in realtà è una compagnia multi-miliardaria che semplicemente non vuole pagare nulla per l’enorme valore che deriva da App Store“.

Da un lato Apple scontenta e delusa perché Epic Games “ingiustamente” a suo dire, avrebbe introdotto il nuovo sistema di pagamento tramite un update hotfix (rapido e di tipo tecnico). La software house invece ritiene che abbia fatto solo il suo dovere.