Microsoft blocca gli aggiornamenti per tutelare lo smart working

Microsoft blocca aggiornamenti Windows 10 coronavirus

In un periodo di quarantena forzata a causa del coronavirus, Microsoft ha voluto bloccare tutti gli aggiornamenti che riguardano il suo sistema operativo, Windows. Una scelta che ha fatto sì, che il colosso potesse dare priorità esclusivamente alle patch di sicurezza.

Redmond vuole sicuramente tutelare le persone che in quest’epoca, si stanno dedicando moltissimo allo smart working. L’ultimo periodo è stato tra l’altro, critico per gli update di Windows. Basti pensare all’aggiornamento peggiore di Windows 10 pieno di bug e falle.

Quanto durerà lo stop agli update di Windows

Microsoft ha annunciato che lo stop degli aggiornamenti Windows partirà dal mese di maggio 2020 fino a data da destinarsi. Ecco il comunicato ufficiale della società, in cui annuncia i motivi:

«Abbiamo valutato la situazione sanitaria attuale, e sappiamo che sta avendo un forte impatto sui nostri consumatori. In risposta a questa sfida stiamo dando priorità al nostro impegno sugli aggiornamenti di sicurezza. A partire da maggio 2020, metteremo in pausa tutti gli aggiornamenti non relativi alla sicurezza (aggiornamenti C e D) per tutte le versioni client e Server di Windows (da Windows 10 1909 fino a Windows Server 2008 SP2).

Non ci saranno cambiamenti agli aggiornamenti di sicurezza mensili (aggiornamenti B); questi continueranno ad essere rilasciati come pianificato per garantire la continuità delle attività produttive e tenere i nostri clienti protetti ed efficienti».