Migliora il Coronavirus in Cina, Apple verso la riapertura di store

Apple coronavirus, riaprono store in Cina

Apple è stata costretta in Cina, a chiudere i suoi store per l’epidemia del coronavirus. Una situazione drastica, che ha visto Tim Cook, costringere i suoi dipendenti, a lavorare da casa, il cosiddetto smart working. Attualmente, la situazione nell’Asia Orientale, sembrerebbe migliorare.

I contagi diminuiscono in Cina e in tutta la parte orientale, Apple chiuse i suoi punti vendita, a partire dall’inizio del mese di febbraio, in cui le persone infette, aumentavano giorno dopo giorno. Adesso si parla già di riapertura, eccome la gestirà il colosso di Cupertino.

Apple riapre i punti vendita in Cina: come ricomincia

La notizia ufficiale arriva direttamente da Pechino, che da quando i contagi sono scesi, Apple ha cominciato a riaprire 38 store (con face di orari nettamente ridotte), per poi riattivare gli ultimi 4, raggiungendo così la quota totale di 42 punti vendita aperti.

L’emergenza globale del Covid19 però, nonostante economicamente parlando sia stata ed è una batosta, ha fatto sì che colossi come Apple, si attrezzassero per proporre in tutto il globo, lo smart working. Se la situazione cominciasse a mantenere tale stabilità, non ci sarà più alcun problema.

Inizialmente si pensò che l’uscita dei futuri melafonini venisse compromessa, oggi ci sono buone possibilità che essi vengano lanciati e commercializzati. Voi che cosa credete?