Apple abbassa le saracinesche a causa del coronavirus

Apple chiude store in Cina per coronavirus

Apple ha comunicato in via ufficiale le sue intenzioni, infatti chiuderà gli uffici e i negozi in tutta la Cina per il coronavirus. Una decisione che il colosso di Cupertino avrebbe già dovuto prendere per tutelare gli abitanti dell’Asia Orientale, ma soprattutto nei confronti delle famiglie colpite dall’epidemia.

Chiaramente l’azienda di Tim Cook non è l’unica ad aver preso quest’ultima decisione, Wuhan e molte città cinesi sono praticamente deserte. Restano aperti i supermercati per consentire alla gente di prendere le proprie provviste di cibo. Quando terminerà tutto ciò?

Coronavirus costringe Apple a chiudere gli store locali

La scelta di Apple è stata praticamente obbligata. Basti pensare che il coronavirus comprometterà l’uscita di iPhone 9 e fino a quando il coronavirus non sarà abolito, difficilmente l’economia cinese potrà risollevarsi.

Sulla nota ufficiale di Apple si legge il dispiacere della società statunitense:

«I nostri pensieri vanno alle persone più direttamente colpite dal coronavirus e a quelle che lavorano senza sosta per contenerlo. Stiamo chiudendo tutti i nostri uffici societari, i negozi e i contact center nella Cina continentale fino al 9 febbraio».

Per chi se lo stesse chiedendo, al momento resteranno operativi i negozi online di Apple, che non avrebbe alcun senso chiudere.