Riparazioni Apple, un costo troppo esoso per l’azienda

Kyle Andeer spiega i costi troppo elevati per riparare device Apple
Stack of smart phones with cracked and damaged LCD screen

Qualcuno di voi si è mai chiesto per quale motivo Apple si fa pagare tanto le riparazioni? A spiegarlo è stato Kyle Andeer, ovvero il Vice President, Corporate Law & Chief Compliance Officer di Cupertino, durante una conferenza tenutasi negli Stati Uniti d’America.

Il discorso è nato dopo che alcune società occupanti dei diritti per i consumatori chiesero “giustificazioni” ad Apple e al suo regolamento circa l’assistenza clienti. Andeer ha spiegato infatti, quanto sia costoso sostenere le spese di riparazione. Salvo i casi eccezionali, come ad esempio la riparazione gratuita gli iPhone 6S e 6S Plus.

Kyle Andree giustifica i costi alti dell’assistenza Apple

Effettivamente secondo molti utenti è ingiusto che Apple chieda costi così elevati per riparare i suoi device. Per esempio, cambiare uno schermo MacBook potrebbe costare circa €1.000, mentre quello di un iPhone anche €350.

Cifre che sicuramente non sono alla portata di tutti, anche perché non è detto che chi possiede un dispositivo dalla mela morsicata abbia a disposizione quei soldi, può darsi pure che gli è stato regalato, non credete?

Addirittura il vice presidente Kyle Andree ha dichiarato che le spese di Apple per riparare i device, supererebbero perfino il costo chiesto agli utenti per ripararli. Ma sarà davvero così? In ogni caso Cupertino ha già pensato a diverse soluzioni:

  • Istituire nuovi corsi formativi per riparare i device (grazie a manuali scritti dall’azienda e mettendo a disposizione gli strumenti di diagnostica ufficiali);
  • Fornendo ai piccoli centri di assistenza strumenti e ricambi originali;