Perché la marcatura laser è la più conveniente sul mercato?

La marcatura laser è quell’insieme di tecnologie che servono a stampare dati su produzioni e lotti industriali di varia natura. Si tratta di un’azione estremamente necessaria, per esempio per i prodotti alimentari per via della segnalazione obbligatoria della data di scadenza. Questo significa che la marcatura è un sistema di stampa applicabile a ogni ambito industriale come auto, moto, cosmetici e tutto ciò che conosciamo di “tracciabile” o “riconducibile” tramite una dicitura marcata su telai, involucri, confezioni e così via.

In cosa consiste la marcatura laser?

Quando parliamo di marcatura laser ci riferiamo alle tecnologie di stampa e gestione dati su prodotti e imballi con precise tecnologie. Esistono diversi tipi di marcatura e di incisori come la micropercussione, il laser e l’inkjet. La tecnologia di marcatura laser è quella più interessante e conveniente perché offre numerosi vantaggi rispetto alle altre due.

Una marcatrice laser, infatti, altera le proprietà di un imballaggio o di una superficie con incisioni dirette che non prevedono l’uso di etichette, ribbon, cartucce, inchiostro, punzoni ecc… Se la stampa a inchiostro richiede un dispendio ed un consumo rilevante, quella a micropercussione ha una buona resa ma richiede la sostituzione periodica dei punzoni. Al contrario la marcatura laser non prevede alcun contatto tra la marcatrice laser e il prodotto da marcare. Essa avviene mediante la forza di un fascio potente che incide la superficie in maniera indelebile svolgendo un lavoro ad altissima precisione, veloce e pulito.

Una delle aziende più conosciute e apprezzate in materia di marcatura laser è la Sitel mk3, che offre diverse soluzioni tecnologiche per qualsiasi campo di applicazione.

Perché conviene?

La convenienza del sistema di marcatura laser risiede anche nei costi di manutenzione, ad oggi stimati tra i più bassi del settore. Tutto ciò che occorre per mantenere il buon funzionamento di una marcatrice laser, oltre alla pulizia ordinaria conseguente all’emissione dei fumi e la pulizia periodica/straordinaria della lente. Si stima che una marcatrice laser possa durare fino a vent’anni per un utilizzo di 100 mila ore. Questo dato fa capire come la convenienza di questo macchinario risieda anche e soprattutto nella sua longevità da cui se ne trae un interessante risparmio rispetto all’acquisto di nuovi macchinari, riparazioni e sostituzioni.

Una marcatrice laser può incidere di tutto, dal logo al codice a barre su qualsiasi materiale che sia esso plastica, oro, acciaio, legno, tessuto ecc… La marcatrice, quindi, deve essere impostata su specifici parametri in base al tipo di superficie che dovrà incidere e alla conseguente reazione chimica e fisica al passaggio del laser.

Stop alle imitazioni

Un’azienda specializzata, infatti, sa come trattare qualsiasi tipo di superficie e conosce i parametri di settaggio della marcatrice per un’incisione precisa e pulita. Questo tipo di servizio è utile sia alla grande che alla piccola distribuzione e può costituire il mezzo da cui riconoscere un prodotto “vero” dalle imitazioni perché è quasi impossibile copiare un codice marcato a laser. L’incisione di un logo o di un tagliando di qualità a laser diventano per molti brand il marchio di autenticità di un prodotto e sono il miglior sistema di protezione dalle imitazioni, un problema che aggredisce i fatturati delle aziende e che mina la loro presenza sul mercato.