Apple introduce il “periodo di grazia” per le app in abbonamento

Apple periodo di grazia app in abbonamento

Da qualche giorno Apple ha introdotto il “periodo di grazia” per tutte le applicazioni che necessitano di un abbonamento. Ciò significa che agli utenti verrà concesso un periodo prolungato qualora dovessero smettere di pagare per distrazione o altre motivazioni.

In realtà questa funzionalità è già presente sul Google Play dallo scorso anno, 2018. Chiaramente il periodo, come annunciato dal colosso di Cupertino, non potrà essere per moltissimi giorni, ma nonostante ciò il numero sembrerebbe decisamente flessibile.

Quanti giorni concede il “periodo di grazia” di Apple?

L’azienda dalla mela morsicata ha pensato bene di dar possibilità, agli utenti che dimenticano o sono impossibilitati di pagare immediatamente un servizio in abbonamento, di prolungare i giorni per poter saldare il debito senza interrompere il servizio.

Chiaramente le condizioni cambiano a seconda della tipologia di canone imposto dall’applicazione in uso. Per esempio, qualora l’abbonamento fosse settimanale, i giorni prolungati saranno 8. Per quello mensile invece, diventeranno 16.

Nonostante le buone intenzioni di Apple, allo stesso tempo alcuni sviluppatori sostengono che l’implementazione del periodo di grazia non sia così semplice, come si pensa. Se per Android non ci vuole neppure una stringa di codice, tutto il contrario per iOS.

Ciò significa che non tutte le applicazioni lo avranno. A voi piacerebbe averlo?