Walmart smentisce la scomparsa dei titoli violenti e fa chiarezza

Comunicato ufficiale Walmart videogiochi violenti

Walmart è stata accusata di aver abolito i videogiochi violenti dai suoi punti vendita. In realtà le cose non sarebbero andate proprio così, tanto che la multinazionale statunitense non è rimasta con le mani in mano e ha provveduto a smentire la “fake news”.

Le notizie erano poco chiare, si accennava all’abolizione totale dei titoli violenti sugli scaffali Walmart, quando in realtà la catena di store al dettaglio americana smentì e fece chiarezza su quanto realmente accaduto.

Il comunicato ufficiale Walmart sui titoli violenti

Come accennato precedentemente, sulla rimozione dei titoli raffiguranti scene di violenza dagli store di Walmart, la società ha smentito e ha specificato:

«Queste azioni sono state intraprese in segno di rispetto verso le vittime degli incidenti della scorsa settimana e non riflettono la volontà di modificare a lungo termine l’atteggiamento nei confronti dei videogiochi».

La multinazionale americana si riferisce alle ultime sparatorie verificatosi negli Stati Uniti d’America in una giornata di ordinaria follia. Donald Trump è intervenuto sulla vicenda attribuendo la colpa ai videogiochi troppo violenti. Sarà realmente questa la causa?