Apple Card, esce il contratto ma sorgono dei divieti interessanti

Apple Card divieto criptomonete e Jailbreak

Apple Card è la nuova carta di credito che la società di Cupertino starebbe lanciando in collaborazione con la nota banca statunitense Goldman Sachs. La distribuzione arriverà dapprima negli Stati Uniti d’America e successivamente anche in Italia.

Nonostante la carta bancaria Apple arriverà in Europa, prima di oggi non eravamo a conoscenza delle policy aziendali della società. Di recente è stato pubblicato il contratto in cui iniziano a sorgere i primi vincoli e chiaramente per chi non potrà utilizzare Apple Card.

I divieti di utilizzo Apple Card

Il contratto riguardo l’utilizzo di Apple Card si trova sul sito web della banca Goldman Sachs. In quest’ultimo si evince l’impossibilità di utilizzarla a chiunque avesse un iPhone con il Jailbreak.

Ma non finisce qui, infatti con la carta di credito realizzata da Cupertino non si potrà acquistare neppure la moneta virtuale o le cosiddette criptovalute.  Ecco le parole esatte riportate sul documento:

Se apporti modifiche non autorizzate al tuo dispositivo, ad esempio disabilitando i controlli hardware o software (come, ad esempio, avviene attraverso il processo indicato comejailbreaking”), il dispositivo idoneo potrebbe non essere più autorizzato per accedere o gestire il tuo conto. L’utente riconosce che l’uso di un dispositivo idoneo modificato in relazione al proprio account è espressamente vietato, costituisce una violazione del presente Contratto e potrebbe comportare la negazione o la limitazione dell’accesso all’account o la chiusura dell’account e l’attivazione di qualsiasi altro rimedio a nostra disposizione ai sensi del presente accordo“.