Un iPhone 6 scoppia in mano a una minorenne [Foto ufficiali]

iPhone 6 esploso in mano Kayla 11 anni

I problemi per Apple sembrano non finire. A scoppiare questa volta è stato un iPhone 6 in mano ad una ragazzina minorenne di soli 11 anni. È accaduto improvvisamente negli Stati Uniti d’America, nello specifico in California e senza un apparente motivazione.

La società di Cupertino starebbe indagando sulle possibili cause, qualcuno ha pensato alle solite cose: caricatori non ufficiali o power bank di concorrenza o una problematica legata alla batteria. In base alle prime verifiche e testimonianze, nulla di tutto ciò avrebbe senso.

L’iPhone 6 brucia e la ragazzina scatta le foto

La ragazzina di 11 anni si trovava nella sua cameretta, quando all’improvviso il suo iPhone 6 ha cominciato a surriscaldare e scintillare. A quel punto la minorenne ha lanciato il melafonino sul suo letto ed è stato proprio lì il punto in cui è esploso.

Fortunatamente né la ragazzina né gli oggetti hanno subito danni (a parte le lenzuola insalvabili).  Chiaramente la mamma della ragazzina (il cui nome è Kayla) ha inviato le fotografie all’assistenza Apple, che istantaneamente ha provveduto a darle un altro iPhone in sostituzione.

Al momento il colosso di Tim Cook non ha lasciato alcuna dichiarazione in merito a quanto accaduto, anche se dalle testimonianze è emerso che il melafonino non ha mai dato problemi e gli accessori utilizzati son sempre stati quelli originali.