Su Google Calendar arrivano le prime truffe: come contrastarle?

Google Calendar truffa spam

I cyber criminali le inventano tutte pur di truffare il prossimo. Su Google Calendar per esempio, stanno arrivando le prime segnalazioni da parte di tutti gli utenti che sono stati coinvolti in questa trappola. Ma in cosa consiste? Come si può evitare tutto ciò?

In realtà i malintenzionati sfruttano il sistema di Big G, per illudere gli utenti e invitarli a cliccare su un “evento personalizzato” creato ad HOC e con un link malevolo, la cui finalità è quella di sottrarre dati sensibili, come password o informazioni bancarie.

Come evitare la truffa di Google Calendar

Come ad ogni problema, anche in questo caso abbiamo la soluzione. Su Google Calendar la truffa potrà essere evitata semplicemente disattivando la voce “Aggiungi automaticamente gli inviti“.

Con questo metodo nessun estraneo potrà più invitarci in uno degli eventi che conterranno il link fake. L’opzione di default potrà essere disattivata dalle impostazioni. Qualora non si facesse, il nostro consiglio è sempre quello di accettare inviti e collegamenti solo da chi conosciamo.

Seppur alternativo, questo è pur sempre un metodo per evitare il raggiro di phishing e spam. I meno esperti non immaginano che una notifica da parte di Google Calendar, allo stesso tempo possa essere “nociva”. A voi è già capitato?