Vietata la vendita di Mortal Kombat 11 in Indonesia, troppa violenza

Mortal Kombat 11 cancellato in Indonesia

Mortal Kombat 11 è sicuramente il videogame più atteso dell’anno, ma da qualche parte nel mondo, il sogno di averlo sulla propria console potrebbe svanire presto. Le critiche su di esso non sono state per nulla clementi, tanto da vietarne la vendita in Indonesia.

Il successo della saga picchiaduro ha riscosso un successo iniziale, tanto che Mortal Kombat 11 approderà anche su Nintendo Switch. Ma dal momento in cui il titolo esiste da anni, perché mai solo ora verrebbe evitata la commercializzazione in alcuni paesi?

Mortal Kombat 11: il gioco risulta troppo violento

Da un titolo picchiaduro non possiamo aspettarci diversamente, ma secondo i governi di alcuni paesi (come quello indonesiano) Mortal Kombat 11 non può essere venduto. Così per evitare ogni problema, Warner Bros. Games lo ha rimosso da alcuni mercati.

Per coloro che invece nei paesi in cui è scattato il divieto, lo avessero già acquistato in formato digitale, la società produttrice del titolo rimborserà i giocatori e provvederà immediatamente alla cancellazione di quest’ultimo, sulle loro console in cui è installato.

Ma secondo voi la saga andata avanti dal 1992 ad oggi, non era prevedibile che continuasse ad essere così violenta? Smembramenti e sangue sono sempre presenti, sarà stato questo a far scattare il divieto di utilizzo?