Un ragazzo viene arrestato per il sistema di Apple, ma c’era un errore

Sistema di riconoscimento facciale Apple arrestato 18enne

Negli Stati Uniti d’America un ragazzo di 18 anni è stato arrestato dopo che erroneamente il sistema di riconoscimento Apple, lo identificò come un “ladro“. L’accusa è ricaduta quindi su di lui Ousmane Bah, che al momento vorrà fare causa a Cupertino.

A riportare la news è il Washington Post. Il quale spiega che il ragazzo è stato arrestato durante il mese di novembre, ma le autorità del New York Police Department hanno fatto sapere che dopo aver visto i video ripresi dalle telecamere, il sistema ha sbagliato di grosso.

Apple commette un errore e rischia di risarcire miliardi di dollari

Scambiare Bah per un ladro, farlo arrestare e presumere che lui sia il colpevole dei taccheggi negli Store di Apple, sicuramente è un errore che costerà carissimo alla società di Tim Cook.

Ad intervenire sulla faccenda sono stati ovviamente i legali delle due parti. Bah poi ammette di aver perso il suo foglio rosa in uno dei negozi della mela morsicata, anche se ammette di non aver al suo interno alcuna foto.

Probabilmente, spiega l’avvocato in difesa di Apple, che un assistito dello Store di Cupertino avrebbe preso il documento perduto dal 18enne e il sistema di riconoscimento lo avrebbe associato come il taccheggiatore e ladro dei furti commessi antecedentemente.