Alexa diventa sempre più intelligente, da oggi niente più comandi

Alexa di Amazon migliora l'apprendimento

Il 2018 è sicuramente l’anno degli assistenti virtuali, così come Amazon che ha dato vita ad Alexa. In questo caso il colosso statunitense ha deciso di migliorare ulteriormente il suo dispositivo perfezionando la sua intelligenza in modo da creare una comunicazione più naturale.

A confermare l’argomento è il direttore Sarikaya dell’azienda, laddove spiega che i lavori sono in fase di svolgimento implementando in questo modo nuove tecnologie che perfezionerebbero l’apprendimento del suo dispositivo.

Cosa cambierà con le nuove funzione di Alexa?

Nello specifico, Amazon verso la fine di questa estate ha iniziato a perfezionare Alexa per migliorare alcune tecniche in modo tale da rimuovere alcuni errori di riconoscimento vocale.

Il nuovo sistema tecnologico è già disponibile in una versione beta, anche se lo stesso direttore ha confermato che solamente negli Stati Uniti è già disponibile.

Entrando nel dettaglio il dispositivo di Amazon riuscirebbe a captare i segnali attraverso delle frasi o gesti espliciti e non solo migliorando le interpretazioni di noi esseri umani come appunto se non si stesse parlando con un robot.

Ma fondamentalmente cosa cambia rispetto a prima? Semplice, Alexa riusicirebbe a percepire il comando, senza dover usare la parola specifica, bensì intercettando le intenzioni solamente rivolgendosi in maniera naturale al dispositivo.

La nuova funzionalità di migliore apprendimento, dopo l’esclusiva degli Stati Uniti è resa disponibile anche in Giappone, India, Canada, Australia, Regno Unito e Germania.

Se fino ad oggi eravamo abituati a specificare agli assistenti virtuali quale servizio smart home utilizzare per pulire la propria casa o svolgere vari servizi domestici, questa volta non sarà più necessario specificarlo.

Infine è stata aggiunta la modalità Follow-Up. Grazie ad essa Alexa riconoscerà la voce umana senza confonderla dai rumori provenienti da terze parti senza perdere la concentrazione del discorso.

Tra tutte le novità aggiunte, l’ultima, ma non per importanza sarà quella di non dover ripetere ‘Alexa’ prima di dare un comando. Questa funzione, oltre che agli Stati Uniti è presente in Germania, Canada, Nuova Zelanda, India, Regno Uniti e Australia.