Il corpo muore, ma il cervello no: l’assurda spiegazione scientifica

Il cervello è attivo anche dopo la morte

Durante la morte il nostro cervello potrebbe restare sveglio per un po’ di tempo e percepire perfino le discussioni della cerchia di gente che circonda il corpo senza vita. Com’è possibile?

Non è fantascienza e nemmeno la trama di un film drammatico, ma l’opinione di alcuni esperti scienziati che hanno dichiarato (dopo una serie di studi del settore) a Mirror, la possibilità che la mente umana resti attiva per poco tempo, anche dopo che la morte.

Il cervello è attivo anche se il cuore non batte più, ecco i dettagli scientifici

A coordinare lo studio e a parlarne è il Dottor Sam Parnia, il quale spiega che le prove sono state documentate sull’analisi di un numero di persone che hanno resistito all’arresto cardiaco.

Nello specifico coloro che sono sopravvissute anche quando il loro cuore era cessato di battere, durante quei momenti avrebbero sentito le conversazioni dei medici, ecco le parole esatte del Dottore che lo ha comunicato a LiveScience:

«Raccontano di aver visto i dottori e le infermiere lavorare intorno a loro e si ricordano le loro conversazioni».

Ancor più inquietante il fatto che potremmo essere consapevoli e ascoltare il medico che dichiara istantaneamente il decesso e il nostro cervello potrebbe farci ascoltare tali parole.