Gli antivirus sono davvero efficaci?

Le negatività degli antivirus secondo due grandi esperti

Antivirus poco efficaci e dannosi: questo il pensiero di due grandi esperti del settore

La parola dell’esperto: “a volte è meglio operare senza”. Ecco perché non sempre gli antivirus fanno il loro dovere.

Le minacce per computer e qualsiasi altro dispositivo tecnologico, in grado di connettersi alla grande rete internet, sono davvero tantissime: poco importa, “tanto io ho l’Antivirus”. È questa la risposta del comune utilizzatore dei moderni dispositivi, ma non sempre gli antivirus installati garantiscono una protezione eccellente.

Secondo, Robert ÒCallahan, ex sviluppatore di Mozilla, “le basse prestazioni dei computer e le intrusioni informatiche sono spesso causate proprio dagli antivirus”. Impossibile, queste sono le parole di un uomo che non sa quello che dice! Tutt’altro: Robert ÒCallahan ha lavorato per tanti anni con Firefox, quindi, non è proprio definibile come l’inesperto di turno che parla per accaparrarsi un pizzico di notorietà. Ma, ora, forse perché infastidito dal modo di operare dai Big del mondo digitale, ha deciso di rilasciare alcune pesantissime e, allo stesso tempo, fondamentali dichiarazioni.

Anche i migliori Antivirus, secondo quanto detto da ÒCallahan, garantiscono un livello di sicurezza minimo, che fa acqua da tutte le parti. Problematiche legate al mondo degli antivirus, definibili come vere e proprie vulnerabilità di sistema, sono state rilevate nei servizi offerti da Kaspersky, McAfee, Eset, Comodo e Trend Micro. Insomma, non stiamo parlando degli ultimi della classe.  Ma, ÒCallahan non è solo: anche Justin Schich, vertice della divisione sicurezza di Google Chrome, sostiene quanto detto dal preparato collega ed in più aggiunge che la diffusione di antivirus blocca letteralmente la vendita browser sicuri, che non riescono ad operare, in merito alla sicurezza, proprio a causa dell’intrusione di software antivirus.

Quindi, siamo spacciai? No, “basta mantenere aggiornati i sistemi operativi e i software utilizzati”, secondo Robert. “Molto meglio che utilizzare un antivirus!”. Il problema, secondo i due esperti del settore, sta nel fatto che tali software antivirus sono troppo invasivi e nel tentativo di sventare le minacce, si allacciano forzatamente ai sistemi operativi, agendo così, proprio come fanno i virus. Questo non significa che le aziende operanti nel settore della sicurezza informatica hanno portato avanti una strategia di difesa infettiva, ma che magari non hanno preso in considerazione (questo per garantire la creazione di un solido scudo digitale) la possibilità di creare antivirus meno invasivi e più leggeri.