La vittoria di Trump incentiva la sicurezza delle email

La vittoria a sorpresa di Donald Trump nelle ultime elezioni presidenziali americane ha già avuto una serie di ripercussioni sul mondo tecnologico. Abbiamo parlato solo ieri di Facebook, adesso passiamo alla sicurezza delle email.

Sì, perchè dopo l’elezione di Trump molti americani hanno scelto di abbandonare i vecchi provider di posta elettronica per passare a sistemi più sicuri e protetti (da sguardi indiscreti). La paura diffusa è che il nuovo presidente, potendo gestire agenzie come l’NSA, inizi a ordinare il controllo serrato della posta elettronica e dei dati personali (almeno per i residenti USA).

Inizia la corsa alle email nascoste

Secondo la società ProtonMail, che fornisce un servizio di email criptate, in pochi giorni dalla fine delle elezioni americane il numero di nuovi account è più che raddoppiato. E ovviamente gran parte dei nuovi iscritti arriva proprio dagli Stati Uniti.

A supporto dell’ultima paranoia statunitense, va detto che un fondo di verità esiste nel recente scandalo che ha colpito Yahoo Mail. Già sotto Obama, l’NSA aveva ampio spazio di manovra: figuriamoci con Trump!