500 milioni di account Yahoo sono in mano agli hacker

L’attacco hacker a Yahoo di cui si parlava qualche settimana fa, e che ha avuto inizio già nel 2014, è molto più grave del previsto. Tanto che la casa statunitense, una volta simbolo dei motori di ricerca, ha diffuso in rete un comunicato con tutti i dettagli sulla situazione.

Stando agli annunci, almeno (almeno!) mezzo miliardo di account registrati su Yahoo sono finiti in mano a non meglio precisati hacker che dispongono di informazioni personali come indirizzi, date di nascita e numeri di telefono – in gran parte provenienti dal servizio Mail della stessa Yahoo. La buona notizia, almeno per il momento, è che le informazioni su conti correnti e carte di credito non sono compromesse perché conservate in una sezione separata dei server.

In ogni caso, è bene cambiare la propria password quanto prima se non cambiare del tutto servizio di posta elettronica.

Yahoo incolpa il governo statunitense

I responsabili, o responsabile dell’attacco non è stato individuato ma Yahoo sostiene che arrivi addirittura dal governo USA. Quest’ultimo potrebbe aver violato il sistema alla ricerca di terroristi, criminali o semplici sospetti.

In ogni caso, si tratta di un fatto gravissimo per quella che dovrebbe essere una delle società tecnologiche più esperte nella sicurezza di Internet ma che negli ultimi anni ha perso parecchio del suo vecchio lustro. Tant’è che sta per finire in mano al colosso della telefonia Verizon dopo un lungo periodo di perdite incassate sul lato economico.