Microsoft prepara un nuovo Surface componibile?

Ancora voci di corridoio sulle presentazioni hardware targate Microsoft, previste a ottobre e già sfiorate recentemente.

Stavolta si parla di un ipotetico (per non dire fantomatico) nuovo modello della linea Surface simile a un PC desktop “tutto in uno” che offre caratteristiche da portatile (come una batteria) e touch screen. Secondo ZD Net, dovrebbe essere svelato al fianco degli aggiornamenti ai modelli già disponibili, e arrivare nei negozi nell’arco dei prossimi mesi.

Come Project Ara, ma in versione computer?

In base ad alcuni brevetti registrati dalla stessa Microsoft nei mesi scorsi, il nuovo Surface “tuttofare” è pensato come una serie di componenti compatibili (solo) tra di loro da montare e smontare in base alla necessità. Non solo tastiere, come per i Surface attuali, ma anche schermi, memorie, processori e schede video. In pratica quello che già avviene da trent’anni con i PC assemblati – solo più semplice perché i vari pezzi sono collegabili tramite semplici attacchi esterni.

Se confermata, si trattarebbe di una scommessa non da poco per Microsoft visto anche il fallimento del telefono componibile targato Google. Di solito, idee come queste non hanno vita facile nel mondo tecnologico sia per i costi dei vari pezzi, sia perché diventano superati in breve tempo.