Perchè Whatsapp e le app di messaggistica non pagano nulla?

Agcom Whatsapp

E’ ingiusto che le app di messaggistica come Whatsapp, Telegram ecc non debbano pagare nulla. Alla fine utilizzano reti mobili, antenne, satelliti e reti fisse, tutti mezzi che le società pagano a caro prezzo soprattutto per mantenere i servizi attivi.

Tutto ciò viene dichiarato dall’Agcom che stanca di tutto questo vuole cambiare la storia e far pagare a Whatsapp come tutte le altre app di messaggistica. Agcom sostiene che applicazioni come Telegram, Messenger, Viber e Whatsapp debbano pagare il pedaggio non solo perchè così usufruiscono di beni e servizi gratuitamente, ma anche perchè nemmeno pagano l’utilizzo dei numeri di telefono che le società di tlc assegnano ai loro clienti, dopo averli acquistati dallo Stato.

Ovviamente Agcom sostiene che le società tlc dovrebbero chiedere costi sostenuti per non far crollare le app più “deboli” e meno conosciute. Un altro motivo per cui Whatsapp e le varie app dovrebbero pagare qualcosa? Perchè infrangono la nostra privacy e vendono i nostri dati a terze società a noi sconosciute.

2 COMMENTI

  1. Io PAGO GIA’ le infrastrutture necessarie alla mia comunicazione internet per l’uso dell’istant messaging, perchè il gestore dovrebbe chiedermi un extra per i servizi che ricevo? per l’uso di un numero di telefono? ICQ e MSN hanno funzionato egregiamente anche con identificativi autonomi, alla peggio continueremo così. E’ l’ennesimo tentativo di lucrare sulla rete.