Windows

Vi è mai capitato di perdere un file importante, magari perché l’avete eliminato definitivamente, anche per sbaglio, dal cestino? Sicuramente sì, ma nessuna paura… Come si suol dire, non tutto è perduto!

Esistono dei software in grado di scansionare il nostro hard disk e di recuperare i file persi. Prima si procede con il recupero del file perduto, più aumentano le probabilità di successo.

Per questa operazione abbiamo scelto Recuva, un software gratuito di recupero file, non solo dall’hard disk, ma da tutte le periferiche di memoria. Sarà quindi possibile recuperare file anche da chiavette usb e schedine di memoria come le SD card.

Come recuperare i file persi sul computer?

Scarichiamo Recuva da questo sito cliccando sul pulsante “Download”. Si aprirà un’altra pagina che ci permetterà di scegliere da dove scaricare il software (FileHippo o Piriform). Scegliamo Piriform, che si trova sotto la voce “Download from”, e inizierà lo scaricamento del programma. Installiamolo selezionando la lingua italiana e avviamolo.

All’avvio del programma ci verrà proposta la procedura Wizard, più semplice per i neofiti, ma meno efficace nel recupero. Chiudiamola con il tasto “annulla” e scegliamo, in alto a sinistra, il drive che contiene i file cancellati da recuperare. Possiamo anche scegliere la voce “tutti i dischi locali” per includerli tutti nella ricerca.

tutorial recuva

Nel box in alto a destra potremo limitare la ricerca ad un particolare nome o tipo di file. Questo è molto consigliato per facilitare il processo; se stiamo cercando, ad esempio, un mp3, clicchiamo sulla freccetta di destra selezionando “musica”. Se stiamo cercando un altro tipo di file, limitiamo la ricerca a documenti, immagini, video, etc. Se ricordiamo il nome del file, possiamo anche scriverlo nel box di ricerca prima di far partire la scansione.

Prima di avviare la scansione, possiamo aumentare le possibilità di successo con ulteriori opzioni (metodo consigliato, nel caso in cui non si riesca a recuperare il file perso con quella standard), ma rallenteremo moltissimo il procedimento.

Per attivare la modalità per così dire “avanzata”, andiamo alla voce “opzioni” in alto a destra, selezioniamo la scheda “azioni” e abilitiamo tutte le spunte della schermata, proprio come in figura.

guida recuva

Per iniziare la scansione ci basterà cliccare sul relativo pulsante e attendere la fine della ricerca, che si svilupperà in diverse fasi.

recupero file persi

Una volta terminato il procedimento, avremo tutti i file trovati divisi in tre colori: verde per quelli facilmente recuperabili, arancione per quelli potenzialmente recuperabili e rosso per quelli che difficilmente saranno recuperabili. Selezioniamo i file che desideriamo recuperare (proviamoci anche nel caso abbiano il bollino rosso) e clicchiamo sul pulsante “recupera” in basso a destra. Ci verrà chiesta una cartella di destinazione da scegliere. Incrociamo le dita e andiamo a controllare il risultato del recupero.